Prev Next

Il discorso del Presidente Mattarella

NOVEMBRE 2015 VISITA DI STATO IN VIET NAM DEL PRESIDENTE MATTARELLA Il discorso del Presidente

.

Investire in Viet Nam

E’ in distribuzione la nuova guida economica sul Vietnam, edita nell’agosto 2014.

.

ITALIA-VIET NAM. SAPERI, DIPLOMAZIA, COOPERAZIONE.

  UN VOLUME, SIGLATO DA IMPORTANTI AUTORI CHE RIPERCORRE LE TAPPE DI UN RAPPORTO ANTICO E FECONDO.  

.

IL DRAGO E LA FATA

IL DRAGO E LA FATA. POLITICHE E POETICHE NEL VIETNAM CONTEMPORANEO   UN NUOVO, APPASSIONANTE LIBRO CHE ESPLORA L’IMPONENETE PANORAMA STORICO E LETTERARIO DEL VIETNAM FRA TRADIZIONE E MODERNITÀ.  

.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Pubblicazioni recenti

Investire_in_Viet_Nam
TRAN THANH HAI, GIORGIO ROMANO, SANDRA SCAGLIOTTI, GIANNA TAVELLA 

INVESTIRE IN VIET NAM, IL PAESE, LA CULTURA, IL SISTEMA ECONOMICO

 TORINO, NEOS 2009

“Per quanto riguarda gli investimenti, c’è spazio per un’ulteriore crescita. E’ necessario moltiplicare le occasioni di reciproca conoscenza e informazione sui cambiamenti intervenuti nel sistema economico e nel mondo degli affari vietnamita e sulle nuove potenzialità di accesso al mercato e di incontro con potenziali partners”. (Dall’introduzione dell’Ambasciatore della R.S. Viet Nam in Italia, Dang Khanh Thoai)

“Questa pubblicazione interviene in una fase senza precedenti dei rapporti diplomatici bilaterali tra l’Italia e il Vietnam (…); sono stati rinnovati i protocolli triennali di collaborazione bilaterale nei settori culturale e scientifico-tencnico e si sta rinnovando il programma di cooperazione bilaterale allo sviluppo, con il quale il Governo si impegna a finanziare in Vietnam, nel triennio 2010-2012, un insieme di progetti a credito di aiuto del valore di 30 milioni di Euro, con particolare riguardo ai settori del sostegno alla piccola-media impresa vietnamita, alla lotta ai cambiamenti climatici ed al rafforzamento del settore sanitario..” (Dalla prefazione di Andrea Perugini, Ambasciatore d’Italia in Viet Nam).

In distribuzione presso il Consolato.

 

Oltre_il_silenzio_delle_armi

SANDRA SCAGLIOTTI E NICOLA MOCCI (A CURA DI)

OLTRE IL SILENZIO DELLE ARMI

L’AGENTE ARANCIO E LE CONSEGUENZE DELLA GUERRA IN VIỆT NAM

AIPSA, Cagliari 2008

In copertina, “Configurazioni sotto terra”, dipinto su tela di Vũ Trung Anh, (particolare)

Un libro e un nuovo segnale d’allerta “Che mai più vi siano guerre come quelle di Hiroshima, del Việt Nam, dell’Iraq; che mai più vi siano guerre in alcuna  regione del mondo“ - dice in un accorato appello Nguyễn Thị Bình, celebre esponente della politica vietnamita e presidente onorario della VAVA - (Vietnam Association For Victims of Agent Orange, Associazione vietnamita in favore delle vittime dell’agente arancio). 

Questa pubblicazione, la più recente ed aggiornata, a livello internazionale sul tema dell’agente arancio, il micidiale composto chimico con cui fu irrorato il Viet Nam al tempo della guerra americana, vuole essere un nuovo segnale d’allerta, per la coscienza di un’umanità che oggi continua a misurarsi con la violenza. Si tenta qui di far conoscere un problema troppo a lungo trascurato dai mass media e dall’opinione pubblica e soprattutto di portare il lettore a raggiungere il cuore del soggetto, analizzato in molteplici prospettive: sanitaria, ambientale, scientifica, umanitaria, sociale, giuridica e politica. Si cerca cioè di fare il punto sulle conoscenze acquisite (e sulle incertezze che restano da sondare) ed illustrare le azioni realizzate sino ad oggi in tutti questi campi.

 

Oltre_guerra_e_pace

ROMEO ORLANDI (A CURA DI)

OLTRE LA GUERRA E LA PACE. IL VIETNAM NEL TERZO MILLENNIO,

UN PREZIOSO ED AGGIORNATO VOLUME

Osservatorio/Asia, Il  Mulino AREL 2010

La lista delle Tigri Asiatiche si arricchisce di un nuovo protagonista. Il Vietnam contende alla Cina e all'India le cifre record dell'avanzata economica e dello sviluppo sociale. Colpisce la regolarità della crescita, come se appartenesse all'ordine naturale delle cose, in una traiettoria finalmente lineare e fatidica. Dietro il successo sono tuttavia disvelati l'impegno, le scelte politiche, il legame con la storia. Oggi il Vietnam delle fabbriche e dell'elettronica è un paese giovane, popolato per più della metà da ragazzi che non hanno conosciuto la lunga guerra. Coniuga dinamismo e ambizione al riscatto, in un'immaginazione non lacerata da contraddizioni.

Il presente non confligge con il passato perché il retaggio bellico è una memoria ma non un'ancora. Lo skyline dei grattacieli, simbolo inequivocabile della trasformazione, si mescola con l'elegante architettura francese e i santuari del pensiero confuciano. Sullo sfondo permane e protegge il retroterra di una cultura unica, resistente e orgogliosa.

Osservatorio Asia, attraverso i contributi di esperti e studiosi (Enrico Letta, Tommaso Andreatta, Carla Bassu, Michela Cirimele, Carlo Cibò,  Massimo Gaudio, Ayumi Konishi, Huu Ngoc, Riccardo Rossotto, Andrea Perugini, Marco Saladini, Sandra Scagliotti, Lorenzo Stanca, Dang Khanh Thoai), analizza il Vietnam con le lenti del realismo e dell'attenzione, per comprendere un paese che ha dimostrato di saper cambiare e di affermarsi con duttilità e rigore.

 

SANDRA SCAGLIOTTI E ANNA PAOLA

IL DRAGO E LA FATA

POLITICHE E POETICHE NEL VIETNAM CONTEMPORANEO

Ambita meta turistica, potenziale partner commerciale per l’Occidente, con la sua impressionante modernizzazione e la sua rapida crescita sociale, il Paese costituisce altresì un cospicuo polmone di produzione artistica e culturale. Avvicinarci a questo mondo affascinante e poliedrico, attraverso le lenti della storia e della cultura, ci permette di sfatare vecchi e nuovi miti e di cogliere la sempre più articolata complessità di un universo in transizione, le cui dinamiche costituiscono altresì un utile strumento per comprendere il nostro presente e le sfaccettature del mondo contemporaneo.

Alla luce dell’imponente percorso letterario della nazione vietnamita, fra scrittura e oralità, leggenda e creazione dotta, nello stile proteiforme degli “studi culturali”, questo volume esplora un panorama letterario - percorso dalla Storia e dalla microstoria -, che oggi, varcando territori, generi e discipline, oltrepassa i confini nazionali ed è fortemente segnato dalle voci femminili.

Un volume per scoprire il Paese della Terra e delle Acque attraverso la sorprendente creatività di un popolo colto e sagace.

Sandra Scagliotti si è formata sotto la guida di Francesco Gatti, Giuseppe Morosini e Michelgugliemo Torri. Ha trascorso lunghi periodi di studio a Hà Nội, sotto la guida di Nguyễn Văn Hoàn e presso l’Accademia delle Scienze sociali e umane del Việt Nam. Dai primi anni Novanta svolge attività didattica presso l’Università degli Studi di Torino; fra le sue pubblicazioni, Saggi sul Việt Nam, Celid, Torino 2000; Il Việt Nam nelle Biblioteche del Piemonte, Celid, Torino 2002 e [con Nicola Mocci], Oltre il silenzio delle armi. Le conseguenze della guerra in Việt Nam,  Cagliari, AIPSA 2009. Dirige il Centro di Studi Vietnamiti e, dal 2009, è console onorario della R.S. Việt Nam.

Anna Paola Mossetto è professore ordinario di Letteratura francese e letterature francofone all’Università degli Studi di Torino.

IL DRAGO E LA FATA

Politiche e poetiche nel Việt Nam moderno e contemporaneo

 INDICE DEL VOLUME

Premessa

Una terra millenaria in corsa verso  il futuro

Parte Prima

I.  IL VIỆT NAM NON È LA CINA

II. ALLE RADICI DEL CONTATTO FRANCO-VIETNAMITA

Parte Seconda

III. CULTURA E POLITICA

IV.  PAROLE IN CERCA DI MODERNITÀ

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

 

APPUNTI SULLA NARRATIVA VIETNAMITA DI LINGUA FRANCESE

di ANNA PAOLA MOSSETTO

BIBLIOGRAFIA DELLA NARRATIVA VIETNAMITA FRANCOFONA

CRONOLOGIA STORICA

  

 MARIO SICA

VIAGGIATORI ITALIANI IN VIETNAM

Edizione bilingue italiano/vietnamita. Nha Nam, Hanoi 2013

  



 

Attraverso primi sedimenti narrativi e iconografici, rappresentazioni fantastiche che ne illustrano fasti e stramberie, il favoleggiato Levante nutre l’immaginario popolare dell’Occidente da oltre settecento anni. L’Oriente, da luogo idealizzato divenne via   via nuovo confine  , spazio geo-culturale e, soprattutto, campo di un emergente rapporto sociale cui gli stessi protagonisti - praticanti di una primaria internazionalizzazione delle re­la­zioni fra i popoli e pionieri della mondializzazione -, ci hanno saputo avvicinare. Nel descrivere le “nuove rotte” verso una meta inebriante null’affatto immaginaria ma praticabile, reticolo di un traffico mercantile che si estenderà alle città del Mare orientale, numerose voci di viaggiatori, missionari, scienziati, scrittori e diplomatici, hanno dato corpo a un ricco insieme di epistolari e resoconti, diluiti nel tempo della Storia.  

L’Ambasciatore Mario Sica - conoscitore attento e appassionato dell’Asia e, peculiarmente, della storia e della cultura vietnamita, che già ci ha regalato importanti saggi [“Marigold non fiorì. Il contributo italiano alla   pace in Vietnam ”, 1991; “La Pira e la ricerca della  pace in Vietnam ”, 2004], in “Viaggiatori italiani in Vietnam”, presentandoci le impressioni dei vari attori sociali che nell’incontro dell’Occidente con il Vietnam si sono trovati implicati, ci offre un godibile e avvincente panorama di quel mondo narrato.   

L’Autore rivela al lettore, la proteiforme realtà di una relazione dalle radici antiche e, in efficace rottura con il racconto rapsodico delle grandi scoperte e dell’avventura europea in terra d’Asia, disvela la genesi di una ricca, vitale e solida costruzione congiunta di saperi. In una fitta trama di identità e alterità, di un dualismo talvolta conflittuale o, talaltra, al contrario, portatore di una sintesi socio-culturale “alta”, l’antico incontro fra due grandi civiltà, ha dato vita, nel tempo, a un corposo intreccio di reti interpersonali che in taluni casi andavano oltre la considerazione meramente economica o l’atteggiamento opportunistico e che hanno, per certi aspetti, preluso alla civilisation del mondo moderno.   

Dalle prime narrazioni di quella civiltà lontana e diversa che Marco Polo e Odorico da Pordenone hanno rivelato all’Europa, ai dati più consistenti sul Tonchino, riportati da Giuliano Baldinotti e sulla Cocincina - cui ci introduce il gesuita milanese Cristoforo Borri -, sino ai resoconti più recenti, questo libro costituisce un importante strumento per comprendere la storia delle relazioni fra l’Europa e i Paesi della penisola indocinese; la documentazione presentata, serba inoltre importanti testimonianze e riflessioni relative al contributo italiano, tutt’altro che irrilevante. Da qui l’originalità di questo lavoro, in un contesto di quasi totale assenza, nel panorama storiografico italiano di un approccio diacronico di studio rivolto alla storia e alla cultura vietnamita.

Il  lavoro di Mario Sicacostituisce un invito ad avvicinarsi a questo Paese e al suo popolo, lasciandosi alle spalle il luogo comune, il preconcetto e le schematizzazioni semplicistiche; dando libero sfogo all’immaginazione, guidati dalla narrazioni di questi Viaggiatori, possiamo percepire disegni e immagini, meraviglie e contrasti dei tratti culturali di una terra che il gesuita Cristoforo Borri, nei primi anni del Seicento, descrive come “fertile e abbondevole di ogni cosa, ma soprattutto di riso”, di una società “ove la molta cortesia è diffusa e la gente risulta compassionevole, trattabile, fedele e allegra, di un Paese “ove abbondano le  università et le fabriche et abitazioni che non hanno che invidiare a parte alcuna dell’universo...”

Oggi, in un momento in cui, nel centro del Sud-est asiatico, il Vietnam è in pieno sviluppo economico e prosegue un’esperienza sociale ed economica di grande interesse, ha più che mai senso avvicinarci a questo affascinante e orgoglioso Paese; Viaggiatori italiani in Vietnam costituisce un ottimo strumento di percorso per scovare le radici lontane di quella realtà che, di mutamento in mutamento, ha costituito, seppur sotto diverse denominazioni, l’odierno Vietnam.

Sandra Scagliotti 

copertina

M.TORRI, N.MOCCI

L'ASIA NEL TRIANGOLO DELLE CRISI GIAPPONESE, ARABA E EUROPEA,

ASIA MAIO 2011. EMIL DI ODOTA, BOLOGNA 2012

Le vicende politiche ed economiche dell’Asia Maior (quella parte dell’Asia delimitata ad occidente dai paesi arabi e dalla Turchia e a settentrione dal Caucaso e dal Russia asiatica) nel corso del 2011 sono state condizionate da tre avvenimenti. Inizialmente dalla triplice catastrofe giapponese - terremoto, tsunami, incidenti nucleari -, successivamente dagli sconvolgimenti politici della cosiddetta «primavera araba» e, infine, dalla crisi economica europea. Questi eventi hanno avuto conseguenze negative sulle economie asiatiche per via  della riduzione delle quote di esportazioni e dei posti di lavoro.

Tutto questo accadeva in uno scenario internazionale in cui è apparso evidente il tentativo degli Stati Uniti di ritornare in forze nel Pacifico per contenere e contrastare l’ascesa della Cina, dell’India e della Russia. Al ritorno degli USA in Asia, la Cina, concentrata sul fronte delle politiche interne, finora ha reagito con lunghi silenzi.

Il volume analizza l’Asia Maior dal punto di vista dei rapporti internazionali e approfondisce in maniera puntuale sia le dinamiche di lungo periodo sia la situazione interna di diciotto paesi asiatici: Afghanistan, Cina, Corea del sud, Corea del Nord, Filippine, Giappone, India, Indonesia, Iran, Kirghizistan, Turkmenistan, Malaysia, Myanmar, Pakistan, Singapore, Sri Lanka, Thailandia, Vietnam. Come sempre nei volumi di questa serie, alla profondità dell’analisi si unisce la chiarezza espositiva. 

Michelguglielmo  Torri, già Harkness Fellow presso l’Università di California a Berkeley, insegna storia moderna e contemporanea dell’Asia all’Università di Torino. È considerato il maggior specialista italiano di India moderna e contemporanea.

Nicola  Mocci, specialista di Sud-est asiatico, ha svolto la propria attività di ricerca fra l’altro presso l’Università Paris VII. Ha una borsa di ricerca della Regione Sardegna e collabora con l’Università di Cagliari, il Centro di Studi Vietnamiti e in particolare con  con «Quaderni Vietnamiti».

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie Per maggiori informazioni Clicca qui.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information